3838 visitatori in 24 ore
 218 visitatori online adesso





Stampa il tuo libro



redent Enzo Lomanno

EnzoL

Impossibile
detergere vera poesia
con poche parole dal basso del ventre.

Č necessario spesso incidere,
Escludendo dal suono la semantica.

Ritrovando del lemma l’origine.

Quell’espressione armoniosa che esula
dal senso stesso di una frase compiuta ... (continua)


Nell'albo d'oro:
Le tue Ragioni
Nella notte ascolto solo
da sempre il suono sordo
del tuo vecchio viso incompreso

che padre e dolore
mai così furon dette le parole
e d'amore nascosero
ogni mia volontà distruttiva
ogni eco di rivalsa

Di quei rigurgiti ferrosi,...  leggi...

Manifesto
in quale dissapore
porto le parole verso gli albori
raccapriccianti piccoli mostri
che s'affacciano furiosi dalle labbra di carne
e sfolgorano luce adamantina
sui tetti dell'inusuale ombra della mia coscienza

che ripercorrono nel rumore...  leggi...

I Fiumi di Porpora
solo tacciono
le spine conficcate nel cuore
senza parole né respiro sono i dolori
che sovente incontrano croci affini
lungo i viali alberati dello zoo

ingressi freddi nelle sinagoghe defunte
e piramidi innalzate come schermo...  leggi...

Frinire
Gli attimi,
non giungono,
- si perdono in risvegli -
lasciando spazi ogivali
su guanti di lune
defunte.

Soffi di favole antiche,
tra poveri sofismi della notte,
restano orfani,
selvaggi d'occhiaie fonde
in fiati dispersi nelle...  leggi...

Nella Morte del Fiore
In un fiore che sboccia
racchiudo e detengo l'ignoto

meraviglia ed incanto
mentre sfoglio nitide immagini
chiarificatrici

lo splendore
che porta corona
impera svettante
con guglie di petali
armonizzanti in seta

leggera l'anima si fa...  leggi...

Lontani Occhi Vicinissimi
ho visto occhi
occhi che hanno tramontato smeraldi
che innocenti hanno palpato sentenze
e nella verde meraviglia si son sciolti in lacrime

ho visto occhi
occhi che hanno tracciato ellissi di dolore
nel turbamento feroce dell'incredulità
e...  leggi...

Rosa di Gerico
eri piccola ombra ignota a Dio
una celata smorfia da marciapiede
sospinta come rosa di gerico
da gas autostradali

rotolavi

aprendo i polmoni alla rugiada del mattino
mentre riavvolgevi tapparelle inconsistenti

rotolavi

e ti chiedevi...  leggi...

Volendo il nostro eroe
volevo aprire una sola solitaria finestra
una porta per precipitare
ridendo a squarcia gola
ballando come un pazzo
sul male
e sullo squallore intrinseco in ciò che c'è di vivo
volevo sbirciare come un bimbo
affogando nelle...  leggi...

Cuore Ingenuo
piccolo cuore ingenuo
come sei buffo
mentre rotoli e ti frantumi
nei fanghi dell'illusione

tu non ci sei...

piccolo cuore urlante
odio la tua voce soprana
che nel buio insiste dall'eterno
suadente vociare di speranza

dove sei...  leggi...

La Corsa
cieco
le retine le ho perdute
scommettendo sull'ultima corsa

la mia prole...

e tutto va come deve
segue un corso fluido

l'atavica speranza sanguigna
il fiume d'orme
di carne e sperma
e paradiso
riverbera potente sulla linea dello...  leggi...

Domenica Mattina
è domenica mattina
una libra di luce
bilancia il buio nella stanza

m'affaccio sul balcone
pesante
per nulla disinvolto
orso sveglio da un letargo
che pare infinito

respiro l'asfalto...

in strada borbottano gli sbarbati
con il loro...  leggi...

Cappuccetti Rossi
reggevo l'immortale giovane calice
nella mano segnata da scaglie d'avvenimenti
mentre ad occhi chiusi proteggevo me stesso
dal lupo sociale

voleva farsi guardare
in tutta la sua meschina fierezza
mentre lacerava brandelli di sogni
da figure di...  leggi...

EnzoL

EnzoL
 Le sue poesie

La prima poesia pubblicata:
 
Samsara (05/10/2010)

L'ultima poesia pubblicata:
 
Di quello rimasto (03/04/2018)

EnzoL vi consiglia:
 E Poi Nulla (29/03/2012)
 Accattone (03/11/2012)
 Come Puņ (14/12/2013)
 Io (18/04/2014)
 Canto Ateo (30/03/2014)

La poesia più letta:
 
Sadņ (09/08/2011, 8580 letture)

EnzoL ha 12 poesie nell'Albo d'oro.

Leggi la biografia di EnzoL!

Leggi i 5257 commenti di EnzoL


Leggi i racconti di EnzoL

Le raccolte di poesie di EnzoL

EnzoL su Facebook


Autore del giorno
 il giorno 04/03/2016
 il giorno 29/04/2014
 il giorno 12/01/2013
 il giorno 04/10/2011

Autore della settimana
 settimana dal 06/05/2013 al 12/05/2013.
 settimana dal 17/09/2012 al 23/09/2012.
 settimana dal 23/04/2012 al 29/04/2012.
 settimana dal 28/11/2011 al 04/12/2011.
 settimana dal 06/06/2011 al 12/06/2011.

Autore del mese
 il mese 01/11/2012

Seguici su:




Ti piace come scrive poesie EnzoL? Allora clicca su questo pulsante per condividere su Google+.

Cerca la poesia:



EnzoL in rete:
Invia un messaggio privato a EnzoL.


EnzoL pubblica anche nei siti:

RimeScelte.com RimeScelte.com

ParoledelCuore.com ParoledelCuore.com

ErosPoesia.com ErosPoesia.com

DonneModerne.com DonneModerne.com

Aquilonefelice.it AquiloneFelice.it

PortfolioPoetico.com PortfolioPoetico.com




Pubblicità
eBook italiani a € 0,99: ebook pubblicati con la massima cura e messi in vendita con il prezzo minore possibile per renderli accessibile a tutti.
I Ching: consulta gratuitamente il millenario oracolo cinese.
Confessioni: trovare amicizia e amore, annunci e lettere.
Farmaci generici Guida contro le truffe sui farmaci generici.

Xenical per dimagrire in modo sicuro ed efficace.
Glossario informatico: sigle, acronimi e termini informatici, spiegati in modo semplice ma completo, per comprendere libri, manuali, libretti di istruzioni, riviste e recensioni.
Guida eBook: Guida agli eBook ed agli eBook reader. Caratteristiche tecniche, schede ed analisi

L'ebook del giorno

Delitto e castigo

Delitto e castigo, pubblicato nel 1866 dallo scrittore russo Fėdor Dostoevskij, insieme a Guerra e pace di Lev Tolstoj, (leggi...)
€ 0,99


EnzoL

Dove Aquile Spiegavano le Ali

Fiabe
diramò i respiri
in fulgide striature
riverberando sereno
nelle vedute illuminate

aprì con nuova forza
gli occhi neonati
e dalle sue ceneri
trasmutò nuovo

come mostro;

prese con se le iridi di cristallo
e cavalcò le lucenti inferriate
masticando teste ragionate

piccole perle

perle di cuoio capelluto

perle, che rimpiazzarono i pasti
della sua fame smodata di vuoto

filtrarono così pensieri
dai capelli d'angelo
che sfiorarono leggeri
il palato sanguinante
infiammando l'atroce realtà

- e dove aquile spiegavano ali
infine
lui frantumò la sua anima

*

s'asciugò il volto
e camminò quindi,
lungo le vie
- catramando le quercie antiche -

e al suo passaggio
si levaron in lontananza da ovest
le urla selvagge di chi lo riconobbe

abietti che sanguinavano le terre
abietti con mani sudice dalla fatica
abietti senza vita eppure vivi
abietti senza nome

- dimenticati -

li raccolse nel suo abbraccio furente
e strinse forte schiantando i cuori

li raccolse e li fece suoi
macinando avido
ogni goccia grondante
dai menti arcuati
- logorati spuntoni di pietra -
senza traccia d'umanità

lascio lì
cadaveri d'ebano svuotati
cavalcando veloce
sui corpi decomposti
e raggiunse armato
le cosce della sua dea

ci fece l'amore
nella folle notte

se la scopò
e fu sangue rappreso
sulle congiure
della carne celeste
dove l'orgasmo
raggiunse l'apice
uccidendola

povera mistificante puttana
che perse la verità
un attimo prima
d'afferrarla

*

raccolse in alcune coppe
il sangue divino d'agnello
lo bevve e ripartì

*

arrivò dunque,
dopo lande desolate,
alle porte paradisiache
e sfondò con le sue mani
i divini cancelli

cominciò a salire
ad uno ad uno
su gradini di nuvola

ed infine si fermò
fissando con occhi sbarrati
il trono lucente

il vecchio stava lì
fermo
sbavava sull'antica barba
e non disse una parola
mentre lui
gli spezzò il collo

e non emise suono
solo chiuse gli occhi
per dormire

allora glieli cavò
e si sedette sul trono celeste
contemplando il vuoto

stropicciò le labbra millenarie
ed urlò ruggendo la sua nudità

<< oh, agognato vuoto
dolce dolce
infine sei giunto

sazio sorriderò
dominando la morte
e dominando la vita

e prenderò parte
alle giostre universali
in solitudine
beandomi delle tristi
torture stellate

farò mio il rimpianto
d'ogni mia singola azione

e morirò
come sconosciuto
sanguinando lacrime
della mia voluta disfatta >>

<< è quindi così che giunge la verità
aggrappata a cavalli di sangue
galoppando sui cadaveri della miseria

oh, sì è così...

è così che cancello
è così che disimparo
è così che mi disinnamoro

solo così potrò porre
una mano sul cuore
e sentirlo finalmente libero
in piena armonia
con tutto l'orrore
che ci circonda >>

*

ripose gli occhi del vecchio per terra
e si scrollò di dosso i capelli della dea
poi chiuse i suoi
e si tagliò le vene
facendo colare il sangue
sulle terre riarse

che bevvero
e si rifocillarono
generando i frutti
della futura ipocrisia

nuove bugie
- di miti -
nati dalla luce



EnzoL 19/01/2012 20:06| 15| 1994

Creative Commons LicenseQuesta poesia è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons: è possibile riprodurla, distribuirla, rappresentarla o recitarla in pubblico, a condizione che non venga modificata od in alcun modo alterata, che venga sempre data l'attribuzione all'autore/autrice, e che non vi sia alcuno scopo commerciale.


 

Commenti sulla poesia Commenti di altri autori:

«…perseverare per non essere schiavi…perseverare anche a scapito della logica umana …oltre le sue convinzioni…per crederci ancora …coraggiosamente…anche se intorno la vita ci punisce con le falsitą e disincanti…viaggiare in piena libertą sulle veritą…con fiera determinazione e follemente…
Troppo forte questa …fiaba…geniale per incisivitą e suggestione…
Veramente ottima stesura…»
Club ScrivereAntonio Biancolillo (21/01/2012) Modifica questo commento

«dolorosa e dissacrante, energica ma sofferta... c'č tutto, c'č l'amore tradito, la voglia di ripagare con la stessa moneta l'illusione, c'č la rabbia per averci creduto e la difesa, con forza, dal crederci ancora, c'č il disincanto, il cinismo, l'odio... e c'č l'amore, anche quello, nascosto tra le righe... nelle grida d'un bimbo che piange, come solo un bimbo sa fare, trapanandoti il cervello, arrivando alla tua coscienza e piantandoci un coltello dentro, senza tante cerimonie...
lascia esausti, come dopo una lotta... ma stranamente appagati
travolgente»
Angela Fragiacomo (21/01/2012) Modifica questo commento

«Viaggio spettacolare in cui fanno capolino vecchi spettri. Malvagitą, voglia di distruzione, sopraffazione, ma poi?? al momento della rifondazione ci si autosopprime e si lascia che i germi del passato, contestato e non condiviso, siano il seme del futuro... sicuramente la mia č una interpetrazione parziale ma la poesia suscita una miriade di emozioni che lasciano con il fiato sospeso sino al termine. Gran lavoro!»
filiberto (20/01/2012) Modifica questo commento

«Grande suggestione e particolare originalitą in una bella fiaba, ove creativitą e fantasia si intrecciano, in un mix di intense sensazioni...
Lirica molto apprezzata»
Silvia De Angelis (20/01/2012) Modifica questo commento

«Letta d'un fiato, questa lirica mi ha comunicato un senso di aviditą, aviditą da parte del protagonista che cerca, nel suo fantastico viaggio, di capire, di trovare risposte, d'impadronirsi della veritą... fiaba a mio modesto parere in parte autobiografica, che colpisce eccome!»
Fiammetta Campione (20/01/2012) Modifica questo commento

«alla fine una fiaba maledetta dove ci si perde fra immagini poderose e di grande impatto visivo. Colossale»
Club ScrivereStefano Canepa (19/01/2012) Modifica questo commento

«"In piena armonia con tutto l'orrore che ci circonda"
Smettere d'essere l'unico ad amare fino in fondo, smettere d'essere l'unico a far sul serio, d'essere l'unico che ci mette l'anima veramente nelle cose, mentre tutt'attorno invece gli altri fanno il doppio gioco, mentono, tradiscono, truffano, sparlano, imbrogliano... fottono il prossimo... che poi nella fattispecie son sempre il sottoscritto sfanculato io...»
hy ju (19/01/2012) Modifica questo commento

«assolutamente su tutto quanto ha detto Annamaria Barone nel suo commento a questo grande capolavoro potente e possente... La Veritą che ci rende liberi, che strappa i veli dell'ignoranza, dei falsi miti e delle convinzioni che hanno tentato di inculcarci e che, probabilmente, non ci appartengono o sono un limite... La Veritą che rende soli, che č anche dolore, ma orgoglio e fierezza, ciņ che farą germogliare nuovi miti... Come questo immenso respiro fiabesco di versi illuminanti e portentosi. Complimenti»
Laura Maira (19/01/2012) Modifica questo commento

«... stile tipico e riconoscibile anche nella versione fiaba;
infinite metafore crude e dure, dove, lette e rilette, il messaggio che mi arriva č sempre lo stesso: difesa, difesa, difesa! ... perseverare nella propria strada, a qualunque prezzo; davvero molto particolare... inoltre s’avverte rabbia; colpita da una strofa “ č cosģ che cancello [...]”; originale anche se “XXL”; letta con molta curiositą.»
Sadness (19/01/2012) Modifica questo commento

«L'essere folli č un complimento in questo scorcio di secolo... Il folle lucido che usa una follia controllata... Sģ...in questo ci ritroviamo noi visionari...
Nella tua poesia vi scorgo tanta miseria umana ma anche il bisogno di superare il limite che ci sovrasta... Una fiaba lunghissima che non vede la fine se non nella notte dei tempi... da venire...
Molto ricca e bella...»
Clara Gismondi (19/01/2012) Modifica questo commento

«Suggestiva, fantastica fiaba fra bene e male ... Rabbiosa, malinconica e nelle tue corde ...
Straordinaria ...»
Club ScriverePatrizia Ensoli (19/01/2012) Modifica questo commento

«pił che una fiaba č un poema, č una poesia che va riletta pił volte ed invita a riflettere, ottimo componimento»
Citarei Loretta Margherita (19/01/2012) Modifica questo commento

«Devo dire di non facile lettura questa "fiaba" tenebrosa, dalle tinte scure, macabra e piena d'una rabbia inaudita...
Senz'altro "TUA"... lo stile č inconfondibile, stordisce... a tratti sono pugni allo stomaco, a tratti lacrime che scorrono, a tratti lucida risoluzione... in una parola: FOLLE!!!... nel senso buono, ovviamente, se mi conosci un po', sai che do un'accezione assolutamente positiva a questa parola...
Nel bene e nel male... mai banale...»
Club ScrivereElena Poldan (19/01/2012) Modifica questo commento

«Fantastica... fiaba (ma... per adesso, non farla leggere alla tua prole). Faccio mio il commento della Barone aggiungendo che questa č una profonda riflessione... ribellione potente e va oltre...
Mi soffermo sui versi che trovo entusiasmanti... infatti si bevono in men di quel che si dica... accattivanti, ti trascinano fino alla "luce" della Chiusa. Fantastica!»
Club ScrivereDuilio Martino (19/01/2012) Modifica questo commento

«"č quindi cosģ che giunge la veritą
aggrappata a cavalli di sangue
galoppando sui cadaveri della miseria"
sģ, forse č cosģ che arrivano le veritą, schiacciando falsi miti, strappandoci via la pelle per uscire dalle convenzioni e dalle convinzioni che ci hanno inculcato e che non sono sempre nostre. la veritą ci rende liberi, la veritą ci rende soli e del sangue di chi la cerca e la trova si nutrirą la terra, e per un attimo rifiorirą, fino al germogliare di nuovi miti. Potente lirica, la firma di un autore che lascia segno indelebile, un marchio a fuoco su una delle pił intense e potenti poesie lette finora. Un' opera epica, che gronda sangue, sangue purificatore e spero mai sangue inutile. Immensa»
Club ScrivereAnnamaria Barone (19/01/2012) Modifica questo commento

La bacheca della poesia:
Non ci sono messaggi in bacheca.

Amazon Prime

Link breve Condividi:


Fiabe
Canti di Anąsteros: La Preghiera di Zarathustra (VII Canto)
Canti di Anąsteros: Le Catene (VI Canto)
Canti di Anąsteros: Il Tradimento (V Canto)
Canti di Anąsteros: La Scienza (IV Canto)
Canti di Anąsteros: La Pietą (III Canto)
Canti di Anąsteros: La Solitudine dell'Unicitą (II Canto)
Canti di Anąsteros: la nascita (I Canto)
Dove Aquile Spiegavano le Ali
Stigmi

Tutte le poesie



Premio Scrivere 2013
Magnetar Oltre la porta (Riflessioni)
Premio Scrivere 2012
Case Future Poesia a tema libero
Bui Albori Jim Morrison (La notte č un pozzo nero dove intingo inchiostro per le mie poesie)
Premio Scrivere 2011
Requiem Per Una Notte Tema libero
Ho Visto Vittime da zolfo e piombo

EnzoL
 I suoi 3 racconti

Il primo racconto pubblicato:
 
Eddie Stardust - I (09/09/2013)

L'ultimo racconto pubblicato:
 
Ocean and Chips (01/12/2013)

Il racconto più letto:
 
Eddie Stardust - I (09/09/2013, 909 letture)


 Le poesie di EnzoL



Lo staff del sito
Google
Cerca un autore od una poesia

Accordo/regolamento che regola la pubblicazione sul sito
Le domande pił frequenti sulle poesie, i commenti, la redazione...
Guida all'abbinamento di audio o video alle poesie
Pubblicare un libro di poesie
Legge sul Diritto d'autore (633/41) - Domande e risposte sul Diritto d'autore
Se vuoi mandarci suggerimenti, commenti, reclami o richieste: .
Inserite la vostra pubblicità su questo sito: https://adwords.google.com/cues/7505CA70FA846F4C06E88F45546C45D6.cache.png

Copyright © 2018 Scrivere.info Scrivere.info Erospoesia.com Paroledelcuore.com Poesianuova.com Rimescelte.com DonneModerne.com AquiloneFelice.it