3724 visitatori in 24 ore
 144 visitatori online adesso





Stampa il tuo libro



redent Enzo Lomanno

EnzoL

Impossibile
detergere vera poesia
con poche parole dal basso del ventre.

È necessario spesso incidere,
Escludendo dal suono la semantica.

Ritrovando del lemma l’origine.

Quell’espressione armoniosa che esula
dal senso stesso di una frase compiuta ... (continua)


Nell'albo d'oro:
Le tue Ragioni
Nella notte ascolto solo
da sempre il suono sordo
del tuo vecchio viso incompreso

che padre e dolore
mai così furon dette le parole
e d'amore nascosero
ogni mia volontà distruttiva
ogni eco di rivalsa

Di quei rigurgiti ferrosi,...  leggi...

Manifesto
in quale dissapore
porto le parole verso gli albori
raccapriccianti piccoli mostri
che s'affacciano furiosi dalle labbra di carne
e sfolgorano luce adamantina
sui tetti dell'inusuale ombra della mia coscienza

che ripercorrono nel rumore...  leggi...

I Fiumi di Porpora
solo tacciono
le spine conficcate nel cuore
senza parole né respiro sono i dolori
che sovente incontrano croci affini
lungo i viali alberati dello zoo

ingressi freddi nelle sinagoghe defunte
e piramidi innalzate come schermo...  leggi...

Frinire
Gli attimi,
non giungono,
- si perdono in risvegli -
lasciando spazi ogivali
su guanti di lune
defunte.

Soffi di favole antiche,
tra poveri sofismi della notte,
restano orfani,
selvaggi d'occhiaie fonde
in fiati dispersi nelle...  leggi...

Nella Morte del Fiore
In un fiore che sboccia
racchiudo e detengo l'ignoto

meraviglia ed incanto
mentre sfoglio nitide immagini
chiarificatrici

lo splendore
che porta corona
impera svettante
con guglie di petali
armonizzanti in seta

leggera l'anima si fa...  leggi...

Lontani Occhi Vicinissimi
ho visto occhi
occhi che hanno tramontato smeraldi
che innocenti hanno palpato sentenze
e nella verde meraviglia si son sciolti in lacrime

ho visto occhi
occhi che hanno tracciato ellissi di dolore
nel turbamento feroce dell'incredulità
e...  leggi...

Rosa di Gerico
eri piccola ombra ignota a Dio
una celata smorfia da marciapiede
sospinta come rosa di gerico
da gas autostradali

rotolavi

aprendo i polmoni alla rugiada del mattino
mentre riavvolgevi tapparelle inconsistenti

rotolavi

e ti chiedevi...  leggi...

Volendo il nostro eroe
volevo aprire una sola solitaria finestra
una porta per precipitare
ridendo a squarcia gola
ballando come un pazzo
sul male
e sullo squallore intrinseco in ciò che c'è di vivo
volevo sbirciare come un bimbo
affogando nelle...  leggi...

Cuore Ingenuo
piccolo cuore ingenuo
come sei buffo
mentre rotoli e ti frantumi
nei fanghi dell'illusione

tu non ci sei...

piccolo cuore urlante
odio la tua voce soprana
che nel buio insiste dall'eterno
suadente vociare di speranza

dove sei...  leggi...

La Corsa
cieco
le retine le ho perdute
scommettendo sull'ultima corsa

la mia prole...

e tutto va come deve
segue un corso fluido

l'atavica speranza sanguigna
il fiume d'orme
di carne e sperma
e paradiso
riverbera potente sulla linea dello...  leggi...

Domenica Mattina
è domenica mattina
una libra di luce
bilancia il buio nella stanza

m'affaccio sul balcone
pesante
per nulla disinvolto
orso sveglio da un letargo
che pare infinito

respiro l'asfalto...

in strada borbottano gli sbarbati
con il loro...  leggi...

Cappuccetti Rossi
reggevo l'immortale giovane calice
nella mano segnata da scaglie d'avvenimenti
mentre ad occhi chiusi proteggevo me stesso
dal lupo sociale

voleva farsi guardare
in tutta la sua meschina fierezza
mentre lacerava brandelli di sogni
da figure di...  leggi...

EnzoL

EnzoL
 Le sue poesie

La prima poesia pubblicata:
 
Samsara (05/10/2010)

L'ultima poesia pubblicata:
 
Di quello rimasto (03/04/2018)

EnzoL vi consiglia:
 E Poi Nulla (29/03/2012)
 Accattone (03/11/2012)
 Come Può (14/12/2013)
 Io (18/04/2014)
 Canto Ateo (30/03/2014)

La poesia più letta:
 
Sadò (09/08/2011, 8580 letture)

EnzoL ha 12 poesie nell'Albo d'oro.

Leggi la biografia di EnzoL!

Leggi i 5257 commenti di EnzoL


Leggi i racconti di EnzoL

Le raccolte di poesie di EnzoL

EnzoL su Facebook


Autore del giorno
 il giorno 04/03/2016
 il giorno 29/04/2014
 il giorno 12/01/2013
 il giorno 04/10/2011

Autore della settimana
 settimana dal 06/05/2013 al 12/05/2013.
 settimana dal 17/09/2012 al 23/09/2012.
 settimana dal 23/04/2012 al 29/04/2012.
 settimana dal 28/11/2011 al 04/12/2011.
 settimana dal 06/06/2011 al 12/06/2011.

Autore del mese
 il mese 01/11/2012

Seguici su:




Ti piace come scrive poesie EnzoL? Allora clicca su questo pulsante per condividere su Google+.

Cerca la poesia:



EnzoL in rete:
Invia un messaggio privato a EnzoL.


EnzoL pubblica anche nei siti:

RimeScelte.com RimeScelte.com

ParoledelCuore.com ParoledelCuore.com

ErosPoesia.com ErosPoesia.com

DonneModerne.com DonneModerne.com

Aquilonefelice.it AquiloneFelice.it

PortfolioPoetico.com PortfolioPoetico.com




Pubblicità
eBook italiani a € 0,99: ebook pubblicati con la massima cura e messi in vendita con il prezzo minore possibile per renderli accessibile a tutti.
I Ching: consulta gratuitamente il millenario oracolo cinese.
Confessioni: trovare amicizia e amore, annunci e lettere.
Farmaci generici Guida contro le truffe sui farmaci generici.

Xenical per dimagrire in modo sicuro ed efficace.
Glossario informatico: sigle, acronimi e termini informatici, spiegati in modo semplice ma completo, per comprendere libri, manuali, libretti di istruzioni, riviste e recensioni.
Guida eBook: Guida agli eBook ed agli eBook reader. Caratteristiche tecniche, schede ed analisi

L'ebook del giorno

La Giustizia

L'omicidio immotivato di Carlo Arca fa da sfondo a questo romanzo. Suo fratello Stefano, giovane di maschia bellezza, è (leggi...)
€ 0,99


Questa poesia è pubblicata anche nel sito RimeScelte

EnzoL

Le tue Ragioni Famiglia
Nella notte ascolto solo
da sempre il suono sordo
del tuo vecchio viso incompreso

che padre e dolore
mai così furon dette le parole
e d'amore nascosero
ogni mia volontà distruttiva
ogni eco di rivalsa

Di quei rigurgiti ferrosi, antichi d'odio
nel cammino che bruciava le coscienze
dietro la fiamma d'uno stoppino,
consumato s'è il mio costato
misero ed immotivato di paglia

Ed oggi,
sola immemore vergogna
sui piagnistei e sulle tue
radici profonde bagnate dal mio astio

che ogni abbaglio, ogni vetro
ogni specchio, ogni inutile riflesso
mi porta a te e alle tue ragioni

perdonami padre mio



EnzoL 13/10/2012 13:58| 16| 3005

Creative Commons LicenseQuesta poesia è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons: è possibile riprodurla, distribuirla, rappresentarla o recitarla in pubblico, a condizione che non venga modificata od in alcun modo alterata, che venga sempre data l'attribuzione all'autore/autrice, e che non vi sia alcuno scopo commerciale.


 

Commenti sulla poesia Commenti di altri autori:

«Mi vengono in mente questi miei versi... Anche se intorno a me i vecchi
raccontano sempre le stesse cose e quei giovani attraversati da un’età senza tempo mi disegnano la loro lontananza... dove si è troppo fragili per capire... Sono momenti che tutti hanno attraversato con l'esuberanza di una età...e certe cose non vengono prese dal punto giusto... ma nonostante tutto... c'è sempre un oggi che arriva con una diversa prospettiva ...in cui ci si aggrappa a un consapevole perdono... di profonda umiltà... Deciso e tangibile il sentimento espresso poeticamente...
Molto apprezzato...»
Club ScrivereAntonio Biancolillo (20/03/2014) Modifica questo commento

«grandiosa, una poesia viva, vera, toccante, rigorosa... b r a v i s s i mo»
Club ScrivereStefano Canepa (19/03/2014) Modifica questo commento

«chiedere perdono è un pregio... ognuno con le proprie ragioni ma è giusto capire con chi deve farsi il primo passo quando il rimorso uccide lentamente l'anima... chiedere perdono poi al proprio padre deve essere un momento così intenso e toccante che sicuramente non si dimenticherà per il resto della vita... versi intensi e toccanti»
Club ScrivereGiacomo Scimonelli (15/10/2012) Modifica questo commento

«Ogni commento alla bellezza di questa lirica è per me superfluo, non ne sarei all'altezza... perché so cosa significa avere un sentimento di odio- amore verso un genitore, so cosa significa il senso di colpa (inutile e sbagliato) e l'ambivalenza di un rapporto così carnale e fondamentale.
Ti dico solo: è LUI che avrebbe dovuto chiedere perdono! tu, piccolo bambino prima e adulto ora, porti dentro ancora tutto il dolore di un rapporto così sofferto, già stai espiando, tuo malgrado...»
Fiammetta Campione (14/10/2012) Modifica questo commento

«toccante bella poesia, commuove la chiusa, ottimo testo»
Citarei Loretta Margherita (14/10/2012) Modifica questo commento

«non è facile commentare una tale opera, non è facile immergersi i tale dolore, nel rimpianto e nel rimorso che mordono le carni, non è facile. Dicono che il padre sia le nostre radici, la madre la chioma, e no tronco liscio o pieno di nodi che cresciamo con questo retaggio, con la loro impronta, con la sua impronta, ed a poco vale volerla strappare via, che è lì nel nostro sangue, a nulla vale, cercarla quando forse è troppo tardi, per chiedere scusa, er ascoltare delle scese. Dicono che la morte appiani ogni cosa, bugia, la morte non permette più chiarimenti se non postumi se non così, e credo che poi arriverà la pace. Finalmente.»
Club ScrivereAnnamaria Barone (14/10/2012) Modifica questo commento

«Il coraggio e il bisogno di chiedere perdono, per non aver compreso le ragioni... pur sapendo che non è necessario, sente di dover esorcizzare il rimorso di non aver capito per tempo.
Dolorosa, profonda e coinvolgente»
Club ScriverePierangela Fleri (14/10/2012) Modifica questo commento

«Poesia di spessore... chiedere perdono al padre e in fondo sapere che non ce n'è bisogno... ammirata e commossa, plauso all'autore»
Club ScrivereRita Stanzione (14/10/2012) Modifica questo commento

«"E fra due lacrime dispettose ed irriverenti, riesco a commentare a malapena"...la tua grandezza poetica non ha confini e spazia in tutte le emozioni e sa arrivare sempre dritta al cuore del lettore... FENOMENALE.»
Giuseppe Boccanfuso (13/10/2012) Modifica questo commento

«...un genitore, è un genitore e un figlio è un figlio...
il tuo solo modo di farti perdonare, sai, è l'essere un padre diverso da quello che è stato il tuo, con te...
un adulto, è un adulto... smettila coi sensi di colpa...»
hy ju (13/10/2012) Modifica questo commento

«A volte è l'enorme scarto generazionale a generare incomprensioni fra un genitore ed un figlio, altre è incompatibilità di carattere ma sicuramente la giovinezza non rende merito alle nostre intenzioni. Molte volte occorre aver raggiunto un'adeguata consapevolezza per riconoscere alcuni atteggiamenti in noi che rivisti a distanza di tempo ci appaiono sbagliati. E ne deriva un desiderio di riscattarsi, di esser capiti da un genitore che quando ama veramente perdona e comprende sempre. Molto emozionante anche l'ascolto della poesia. Molto coinvolgente.»
Club ScriverePaola Vigilante (13/10/2012) Modifica questo commento

«non ho parole... ognuno di noi ha qualcosa da farsi perdonare, torno indietro nel tempo a 9 anni quando le mie radici vennero spezzate ero troppo piccola non l'ho nemmeno salutato ed è questo che non riesco a perdonarmi ...questa lirica è struggente e molto bella... sono sicura che leggono nel nostro cuore e continuano ad amarci come facciamo noi ... lo dico anche al bravo poeta che ci ha regalato questa opera toccante!»
Club Scriverecarla composto (13/10/2012) Modifica questo commento

«Solo da quando mio padre c'ha lasciati, e tanti anni sono passati, mi sono resa conto di aver assimilato ogni sua molecola fosse di pensiero che di appartenenza. Mi ritrovo più ricca oggi. Ma non ho motivi per incolparmi delle passate incomprensioni. Io giovane assetata di conoscenza e ribelle, lui uomo già anziano culla di sapere. Mi hanno colpito molto i tuoi versi che nascono da una comprensione postuma, ma profonda.
E di solito non lascio commenti così lunghi. poeta mi hai fatto tornare indietro nel tempo...»
elena rapisa (13/10/2012) Modifica questo commento

«Un singulto al cuore... d'emozioni! Molto apprezzata»
Giorgio Dello (13/10/2012) Modifica questo commento

«Passando il tempo delle intemperanze, quando la ragione diventa riflessione, vengono in mente certi atteggiamenti che portano a capire l'attegiamento e l'amore che ha avuto un genitore in quei determinati frangenti che per noi diventava insofferenza. Apprezzata Lirica!»
Ginevra Ferrari (13/10/2012) Modifica questo commento

«Mi hai messo i brividi, m'è sembrato di parlare col mio, di padre... Sei Enzo, piaciuta tantissimo!»
Flavio Uldanc (13/10/2012) Modifica questo commento

La bacheca della poesia:
Non ci sono messaggi in bacheca.

Amazon Prime

Link breve Condividi:


Famiglia
Sembra ieri
Le tue Ragioni
Goccia
Carta da Zucchero
Buffa Principessa
Preghiera
Nient'altro Madre
Ricordo Suppellettile
Mio Cuore
Mai Più Pace
Il Tuo Regalo
Materna Follia
Regalarti un sogno
Lettera di un Codardo

Tutte le poesie



Premio Scrivere 2013
Magnetar Oltre la porta (Riflessioni)
Premio Scrivere 2012
Case Future Poesia a tema libero
Bui Albori Jim Morrison (La notte è un pozzo nero dove intingo inchiostro per le mie poesie)
Premio Scrivere 2011
Requiem Per Una Notte Tema libero
Ho Visto Vittime da zolfo e piombo

EnzoL
 I suoi 3 racconti

Il primo racconto pubblicato:
 
Eddie Stardust - I (09/09/2013)

L'ultimo racconto pubblicato:
 
Ocean and Chips (01/12/2013)

Il racconto più letto:
 
Eddie Stardust - I (09/09/2013, 864 letture)


 Le poesie di EnzoL



Lo staff del sito
Google
Cerca un autore od una poesia

Accordo/regolamento che regola la pubblicazione sul sito
Le domande più frequenti sulle poesie, i commenti, la redazione...
Guida all'abbinamento di audio o video alle poesie
Pubblicare un libro di poesie
Legge sul Diritto d'autore (633/41) - Domande e risposte sul Diritto d'autore
Se vuoi mandarci suggerimenti, commenti, reclami o richieste: .
Inserite la vostra pubblicità su questo sito: https://adwords.google.com/cues/7505CA70FA846F4C06E88F45546C45D6.cache.png

Copyright © 2018 Scrivere.info Scrivere.info Erospoesia.com Paroledelcuore.com Poesianuova.com Rimescelte.com DonneModerne.com AquiloneFelice.it